LO STERNO, QUESTO SCONOSCIUTO seminario condotto da Alessandra Guadagni

Sabato 21 aprile 2018 dalle ore 10:00 alle ore 17:00

Una giornata per rendere più flessibile “la parte alta” del corpo. Un’area dove non è insolito che ci sia del dolore e che comprende la base del collo (prime dorsali e settima cervicale), le spalle (clavicole e scapole), il dorso e il petto (la gabbia toracica) e determina anche il portamento della testa.

Per iscrizioni: http://www.istitutofeldenkrais.it/lezione/seminari/#quote

L’ARTE DI EMOZIONARSI: INTERVISTA A MARA DELLA PERGOLA

di Roberta Maroncelli dal blog Sick Sick del Teatro Franco Parenti 

Tutto ha a che vedere con il corpo: dalle farfalle nello stomaco ai rossori improvvisi, dall’andare a teatro al visitare un museo, perché il nostro corpo reagisce costantemente agli stimoli esterni. Ma cosa avviene quando ci troviamo davanti a un’opera d’arte? Nel suo ultimo libro Mara Della Pergola – formatrice presso la scuola IsFel – istituto Feldenkrais e direttrice dell’Istituto Feldenkrais di Milano – esplora le trasformazioni del corpo di fronte a un’emozione, invitando i lettori a un ascolto pratico di se stessi.

In occasione della presentazione del libro Lo sguardo in movimento. Arte, trasformazione e metodo Feldenkrais, avvenuta lunedì 9 aprile in Sala AcomeA, al Teatro Franco Parenti sono stati organizzati dei workshop tematici, insieme all’attrice Sonia Bergamasco, lo storico dell’arte Paolo Bolpagni e la neurologa Francesca Mancini, per creare un’esperienza somatica di approfondimento e conoscenza della propria corporeità, in relazione con gli altri e con lo spazio circostante.

Anche noi di Sik-Sik abbiamo partecipato agli incontri (domenica 15 aprile, si è tenuto l’ultimo, Sentirsi sostenuti), sfidando imbarazzo e scetticismo iniziali, per sederci sul pavimento della Sala Treno Blu e seguire la voce di Mara Della Pergolanegli esercizi di centratura, alla scoperta del nostro corpo e delle nostre emozioni.

Cos’è esattamente il metodo Feldenkrais?

Questo metodo prende il nome dal suo creatore, Moshe Feldenkrais (1904-1984), fisico e ingegnere di origini ucraine, poi trasferitosi in Palestina, che attraverso le sue conoscenze scientifiche, alle arti marziali e allo studio per curarsi una grave lesione al ginocchio, ha sviluppato un metodo pratico di cura. Partendo dal movimento, ha elaborato manipolazioni molto delicate sul corpo, basate sulla consapevolezza della propria corporeità e ha poi costruito lezioni collettive e individuali, per meglio organizzare la globalità della persona. Non si tratta di una terapia, ma di un apprendimento, di un ascolto e di un percorso verso la consapevolezza di sé.

Lei come ha conosciuto questo metodo?

Io frequentavo la scuola di teatro di mimo dell’Arsenale di Jacques Lecoq, con Marina Spreafico e Kuniaki Ida. Non volevo diventare un’attrice, ma è in questo contesto che ho scoperto la corporeità. In quel periodo lavoravo in un consultorio familiare, dove il corpo e tutto l’aspetto collegato alle emozioni era completamente trascurato: il movimento era visto semplicemente come ginnastica o riabilitazione. È in quel momento che mi sono avvicinata al metodo Feldenkrais: sono andata in Israele, l’ho conosciuto personalmente e ho deciso di seguire la formazione, pensando di andare in un’università e di essere con altri italiani. Invece mi sono trovata in una situazione totalmente imprevedibile: eravamo più di duecento persone in una palestra meravigliosa e io ero l’unica italiana.

Perché ha deciso di scrivere Lo sguardo in movimento?

Sentivo l’esigenza di scrivere del mio lavoro e di raccontare delle esperienze somatiche che ci compongono e che noi viviamo dalla nascita, applicando i principi del metodo Feldenkrais alla scrittura. Ma volevo rovesciare il procedimento,partendo dal bello. Quando le persone vengono da noi poi stanno meglio, l’effetto è che si piacciono di più e sono in armonia con se stesse, quindi mi sono detta: “partiamo dalla fine e andiamo a ritroso”; invece di cominciare da quello che non va, iniziamo da quell’attimo in cui avviene un cambiamento di percezione.

E perché parlare di arte?

Premetto di non essere una studiosa d’arte, ma un’appassionata. Ho scelto di partire dall’arte e non dalla musica, per esempio, perché oggi la nostra società è a predominanza visiva. Quello che presento è un modello, e come tale può essere apprezzato o rigettato, ma mi interessa che le persone considerino la loro corporeità in tutto, non solo nell’osservazione dell’opera d’arte ma anche quando, per esempio, ascoltano un politico parlare o leggono un articolo di giornale; apparentemente tutto questo non riguarda il corpo, ma in realtà la corporeità è in sistema con l’intelligenza e la capacità di scegliere. Tutto ha a che vedere con il corpo: quando pensiamo, siamo corpo.

In che senso ci relazioniamo fisicamente alle opere d’arte?

Guardando un’opera d’arte, si può rimanere incantati da un dettaglio o dal colore, cosa che non ha nulla a che vedere con la bravura dell’artista o con il tema, ma con l’introiezione dell’opera dentro di sé. Ogni immagine e ogni parola suscitano in noi una trasformazione e un dialogo con l’altro. Nel libro, considero le opere d’arte come persone, per delineare il modo in cui ci relazioniamo con gli altri; in ogni capitolo descrivo l’opera, propongo un’esperienza senso-motoria, poi invito a guardare nuovamente l’opera: a questo punto dovrebbe essere stato percepito un cambiamento.

Ammetto che prima di venire al suo workshop ero un po’ scettica su questa lettura delle opere d’arte…

Bene, mi fa piacere che me lo dica! Come mai?

L’interpretazione di un’opera d’arte a priori mi sembra al limite tra ciò che è cultura e ciò che invece è interpretazione personale.

Sì ha ragione, ma qui il tema è l’osservazione di se stessi e l’opera d’arte diventa come una persona con cui ci relazioniamo. Nel capitolo Incontrare l’altro ho inserito dei dipinti di Morandi e mi sono chiesta: perché piace tanto? Forse perché nei suoi quadri, le sue bottiglie polverose, che sono sempre le stesse, ma posizionate in modo diverso, danno un senso di consuetudine e sono come vecchie foto di famiglia. Mi piace porre l’attenzione proprio sul come siamo attratti o emozionati da un’opera d’arte, quali cambiamenti questa osservazione produca nel nostro corpo, senza rimanere chiusi in noi stessi. Vorrei accompagnare il lettore nell’esplorazione dell’attimo in cui avviene questa trasformazione, per poi aiutarlo a fare qualcosa di questa esperienza.

 

Libro di Mara Della Pergola

Lo sguardo in movimento – Arte, trasformazione e metodo Feldenkrais

Hanno partecipato:

Mara Della Pergola, Philippe Daverio, Jean Blanchaert, Sonia Bergamasco, Paolo Bolpagni, Francesca Mancini.

OCCHI, POSTURA E MOVIMENTO 4 lezioni a tema con Mara Della Pergola

Dal 2 al 24 maggio ogni mercoledì dalle 19.00 alle 20.00 

Con gli occhi guardiamo, leggiamo e comunichiamo. In questo ciclo di lezioni esploriamo anche altri aspetti connessi con il loro utilizzo e scopriamo che la qualità dei movimenti oculari è in relazione con la qualità di tutti i nostri gesti. Queste lezioni facilitano la fluidità dei movimenti, la visione periferica,  l’orientamento e la relazione con la postura. Iscriviti!

recensione di Paolo Salom sul Corriere della Sera a Lo sguardo in movimento

“LO SGUARDO IN MOVIMENTO” DI MARA DELLA PERGOLA – SECONDO INCONTRO

Teatro Franco Parenti – Domenica 8 Aprile ore 10.30 – 12.30

Mara Della Pergola e Paolo Bolpagni, storico dell’arte, partiranno dall’osservazione di alcune opere pittoriche per esplorare quanto e come l’intenzione sia alla base di ogni azione. In effetti fin dalla prima infanzia l’essere umano si apre allo spazio circostante grazie all’intenzione di comunicare, di raggiungere qualcosa e di spostarsi. L’analisi visiva dell’immagine insieme all’esperienza sensomotoria permetterà ai partecipanti di portare l’attenzione alla propria organizzazione globale nell’agire, nel progettare e nel prendere una direzione.
Per prenotazioni: 02 59995206

biglietteria@teatrofrancoparenti.it
info@teatrofrancoparenti.it

LEZIONE FELDENKRAIS con quota di partecipazione ridotta

Feld-Lab, il laboratorio di Consapevolezza Attraverso il Movimento curato dagli allievi dell’Istituto, quest’anno è  condotto dalle neo-diplomate Lorenza Leita (ingegnere come Feldenkrais!) e Silvia Luraschi (pedagogista studiosa dell’apprendimento trasformativo).

Ogni venerdì dalle 9:30 alle 10:30 con pacchetti di 10 lezioni a trimestre.
Quota di partecipazione ridotta a 150 €.

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Lo sguardo in movimento di Mara Della Pergola

ROMA Mercoledì 6 dicembre ore 17,30

Alla Fiera dell’editoria PIU’ LIBRI PIU’ LIBERI  sala Giove

Stand Casa Editrice Astrolabio C46

Quando un’opera d’arte ci colpisce e rapisce il nostro sguardo, si innesca un duplice movimento: osservando, entriamo nell’opera d’arte, mentre l’opera d’arte entra in noi trasformando le nostre sensazioni e modificando la nostra corporeità.  Si può dire che amiamo una particolare opera perché evoca in noi pensieri e stati d’animo, ma in che modo ciò avviene?  Cosa cambia nel corpo e nella percezione quando si entra in un quadro, quando ci si sente in relazione con una scultura? Il dialogo che si genera tra chi osserva e l’opera è di fatto un dialogo con se stessi, un percorso di conoscenza e consapevolezza di sé.
Unica allieva italiana diretta di Moshe Feldenkrais, l’autrice dialoga in questo testo con alcune opere d’arte, scelte non tanto in base alla loro (indiscussa) bellezza, ma in ragione appunto di un’attrazione istintiva. Utilizzando principalmente gli strumenti della sua lunga esperienza di pratica e insegnamento del metodo Feldenkrais, propone un percorso estremamente ‘corporeo’ di esplorazione artistica, in cui l’esperienza somatica assume un ruolo guida.
A fianco all’osservazione di ogni opera d’arte, vengono proposte al lettore alcune brevi pratiche di auto-esplorazione o minisequenze di movimento. Attraverso movimenti inusuali, eseguiti con lentezza e senza voler ottenere un risultato predeterminato, sarà possibile affinare le capacità percettive, ottenere una comprensione più ricca, precisa e personale delle opere d’arte e collegarle al momento presente.
L’opera d’arte si fa veicolo di individuazione e trasformazione, guida alla scoperta di nuovi spazi interiori e apre a nuove modalità percettive.

“In questo libro parlo di alcune ‘fondamenta’ psicosomatiche, esperienze che ci accompagnano dalla nascita in poi, e lo faccio attraverso diversi canali: ovviamente la lettura, integrata dall’osservazione di opere d’arte, l’ascolto di se stessi, con cenni allo sviluppo del bambino (che è anche il ripensare a come eravamo da piccoli) e ad alcuni casi (i risultati di questo lavoro).
La mia intenzione è stata quella di creare un testo che integri le diverse sfere del nostro essere (sensitiva, motoria, cognitiva, emozionale), utilizzando lo sguardo verso l’arte e di ritorno lo sguardo verso se stessi come motore di avvio alla curiosità e all’apprendimento. Mi auguro che contribuisca ad accostarsi all’arte includendo il proprio corpo.
Il lettore sarà attratto dalle meravigliose immagini delle opere d’arte e quindi avrà l’opportunità di avvicinarsi al metodo Feldenkrais partendo dal bello e non necessariamente dal “mal di schiena”. MDP

MARA DELLA PERGOLA ha introdotto il metodo di Moshe Feldenkrais in Italia con seminari, corsi e lezioni individuali, e negli anni ’80 ha fondato l’Istituto di Formazione Feldenkrais di Milano, dove centinaia di persone lo hanno studiato e sperimentato. Ha condotto corsi in conservatori di musica, scuole di teatro, enti ospedalieri, università e scuole di psicomotricità. Dal 1988 organizza e dirige corsi di formazione al metodo e seminari di aggiornamento in Italia. Insegna anche in Europa, Nord e Sud America. Appassionata d’arte e autrice di numerosi articoli, vive e lavora a Milano. È stata presidente dell’AIIMF (Associazione Italiana Insegnanti Metodo Feldenkrais).

collana IL LAVORO SUL CORPO E SULLA MENTE
ISBN 978-88-340-1745-6
pagine 204, con 23 tavole f. t.
prezzo € 20,00
ARGOMENTO METODO FELDENKRAIS E ARTE